grandtouritalia

Home » Uncategorized » Posillipo. Un teatro affacciato sul mare di Osvaldo Guerrieri

Posillipo. Un teatro affacciato sul mare di Osvaldo Guerrieri

Categorie

Un teatro affacciato sul mare

posillipo

C’è una bellezza che spaventa. E’ quella di Posillipo, o forse converrà dire di Pausylipon, per andare più facilmente all’origine del sentimento che questa porzione di Napoli trasmette al visitatore. Pausylipon ha un significato affettuoso. Vuol dire “sollievo dal dolore”. Forse è stato così, una volta. Forse è ancora così, per qualcuno. Pausilypon ti rapisce con l’aspetto selvaggio di una terra nata da chissà quale tormento. Non per caso, poco più in là, verso Cuma, il suolo ribolle di zolfo e spalanca la bocca dell’Averno che fu violata dal passo prudente di Enea. A Pausylipon non c’è traccia d’inferno. Anzi la natura sembra esplodere con tutte le sue energie. Ogni cosa qui sembra eccessiva. Il mare è di un blu senza eguali e non dà tregua alla costa porosa, trafitta, scavata, che proprio nel mare sembra trovare la propria ragione in un rapporto di violenza che stordisce.

Andare a Pausylipon significa entrare in uno scenario che non potremmo immaginare più fascinoso. Napoli da una parte e la penisola sorrentina dall’altra. E poi Capri, simile a una testa di donna adagiata sul mare. E il Vesuvio. Che altro può desiderare una pupilla? Ma Pausylipon è soprattutto altro. E’ la Villa degli Spiriti; è la Grotta di Seiano, che infilandosi per quasi ottocento metri dentro la collina, punta dritta verso il porto di Cuma; è il parco sommerso di Gaiola, che consente di ammirare i resti di porti, ninfei e peschiere spinti sott’acqua da un bradisismo. Pausylipon è soprattutto la villa di Pollione, la villa della crudeltà.

All’apparenza nulla sembra più civile, più elevato. I resti ci parlano di una dimora sontuosa, costruita per dar pace al corpo e allo spirito. Il suo proprietario ha voluto persino corredarla di un teatro affacciato sul mare. Apparenza. Questo complesso che ci pare tanto ammirevole, era in realtà un luogo d’inferno.

L’uomo che lo costruì – Polione – era un liberto potentissimo e ricchissimo. Oltre che per il lusso e le orge, aveva una sfrenata passione per i piraña, che allevò nella pescheria della villa. La predilezione per questi pesci carnivori non era gratuita. Quanti servi incauti, quanti ospiti molesti fece spolpare Polione da questi pesci dai denti di ferro? Una sera mostrò il suo macabro spettacolo nientemeno che ad Augusto. L’imperatore inorridì, ma non esitò a prendere possesso della villa quando Polione gliela lasciò in eredità.

Ecco che cos’è Pausylipon, la città che avrebbe dovuto dar sollievo al dolore. Ecco lo spavento di sottile grana metafisica che soltanto la bellezza sa trasmettere quando è al suo vertice. Ma lo spavento si può anche amare.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: